Un caffè con Corrado Passera

Corrado Passera, una carriera sempre al timone iniziata in Olivetti, passando per Cir, Mondadori, Espresso-Repubblica, in Poste e Intesa Sanpaolo come AD fino all’incarico di Ministro dello Sviluppo economico. Poco più di un anno fa ha fondato Illimity, banca innovativa dedicata alle piccole e medie imprese che hanno bisogno di risanamento, rilancio e sviluppo.
La voce di un uomo straordinario sui tantissimi temi di questo tempo:

  • le quattro ruote per rilanciare la macchina Italia,
  • la banca del futuro: con il Covid il futuro è domani;
  • 600 milioni con un powerpoint;
  • il tesoro della diversità;
  • partire da un bisogno non soddisfatto;
  • guardare a chi è più bravo di noi;
  • verso le nuove sfide: più ambiziosi e più umili.
Articolo precendente:
Prossimo articolo:

18 Responses to Un caffè con Corrado Passera

  1. Francesco de' Medici ha detto:

    Bravo Gianfranco!!! complimenti
    osservazioni e commenti impagabili
    sono felice di aver scoperto questi Tuoi colloqui

    a presto
    FdM

  2. Luca Mignini ha detto:

    Caro Gianfranco Minutolo grazie per continuare a condividere questo scambio di opinioni, devo dire che questo particolarmente e’ stato molto molto stimolante. Avere una persona del calibro di Corrado Passera a coprire temi sul come gestire il cambio e la necessità di rimanere curiosi per potere continuare ad imparare e’ stato molto motivante. Una riflessione , purtroppo non positiva , che mi e’ venuta in mente dopo la tua chiusura , e’ legata ad una frase famosa di Albert Einstein “due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, ma non sono sicuro dell’universo”. Stiamo affrontando una crisi , non senza precedenti come detto, che richiederebbe una leadership competente e forte. Lo spettacolo politico che però vediamo quotidianamente , personalmente non mi fa bene sperare. In una democrazia vera, la leadership e’ il riflesso di chi la sceglie. Una strada per uscire dai problemi che ci attanagliano , senza scorciatoie di breve periodo, secondo me passa per un livello di formazione ed educazione per tutti noi affinché si possano scrivere delle nuove regole che funzionino ed scegliere dei leaders appropriati. Imparare a continuare ad imparare e’ veramente fondamentale per il benessere di tutti. Grazie ancora a te e Corrado

    • Gianfranco ha detto:

      Grazie caro Luca. Hai proprio ragione, il nostro principale problema è il vuoto di leadership da tanti anni. Abbiamo tanti validi leader in Italia, se si accordassero, se si unissero per creare una formazione che potrebbe rappresentare l’orgoglio e la rinascita di un Paese che non merita di finire così.

  3. Alberto Guiotto ha detto:

    Bravo, Gianfranco: i tuoi #caffècon sono sempre momenti di piacevole riflessione sulla situazione attuale e sulle prospettive future, mai banali.
    Grazie davvero per questa tua iniziativa.

  4. Giovanni Battista Gazzea ha detto:

    Veramente complimenti per questi caffè interessanti!! Lo stimolo nasce dal confronto

  5. Marco ha detto:

    Complimenti Gianfranco, un format davvero centrato. Un piacevolissimo colloquio fra amici competenti e scevri di protagonismo, con onestà di pensiero e ricchezza dei contenti.

  6. Francesco Mascolo ha detto:

    Caro Gianfranco, hai avuto la capacità di intervistare 2 importanti banchieri, con caratteristiche personali e stili diversi, ma entrambe perfettamente rappresentabili come “banchiere dal volto umano”.
    Di Corrado Passera hai saputo tirar fuori il suo grande spessore di innovatore.
    La metafora dell’auto con le quattro ruote, di cui ciascun pneumatico deve stare bene a pressione affinchè la macchina possa viaggiare, è molto efficace e sono convinto come lui che occorre avere una visione di intervento sulla società che guardi a 360° per tener conto delle interconnessioni tra settori e tra classi sociali.
    Non si intendono gli interventi a pioggia contenuti nel decreto Rilancio.
    Bene ha spiegato Passera che gli interventi devono essere differenziati a seconda del settore. Ecco allora che mi ritrovo perfettamente sulla necessità di semplificare le cosiddette procedure del permitting (negli ambiti in cui ho avuto modo di operare, dalle infrastrutture logistiche, agli impianti per il trattamento dei rifiuti, alle facilities da sviluppare per la transizione energetica, creare percorsi autorizzativi semplificati permetterebbe di passare velocemente i progetti dalla carta all’esecuzione con beneficio per l’intera economia del paese).
    E poi gli utili consigli di Passera da ricordare sempre nel proprio percorso professionale:
    – Imparare ad imparare. Ed allora fondamentale l’investimento in una scuola rinnovata che insegni il metodo anziché le nozioni.
    – Errare come uscita dal sentiero seguito dalla reazione per riprendere la direzione magari più forti di prima
    – Investire su idee brillanti che soddisfino un bisogno non soddisfatto con soluzioni uniche e poco commodizzabili.
    – Confrontarsi sempre e solo con chi fa meglio di te.
    Non sappiamo come sarà il futuro. Sarà importante essere curiosi, pronti a ripartire e a ristudiare.
    Infine una chiusura che ci restituisce la responsabilità di ciò che sarà: il futuro è il prodotto di quello che faremo, di quello che si costruisce.
    Grazie Corrado Passera per questi insegnamenti.
    Grazie Gianfranco per averli condivisi.

    Francesco Mascolo

  7. Orazio Corva ha detto:

    Complimenti Gianfranco: bel format, ottimi ospiti e contenuti. Avanti tutta!
    Orazio

  8. Luca Mignini ha detto:

    Caro Gianfranco Minutolo grazie per continuare a condividere insights molto rilevanti. Avere una persona del calibro di Corrado Passera a coprire temi sul come gestire il cambio e la necessità di rimanere curiosi per potere continuare ad imparare e’ stato molto motivante. Una riflessione che mi e’ venuta in mente dopo la tua chiusura , e’ legata ad una frase famosa di Albert Einstein “due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, ma non sono sicuro dell’universo”. Stiamo affrontando una crisi , non senza precedenti come detto, che richiederebbe una leadership competente e forte. Lo spettacolo politico che però vediamo quotidianamente , personalmente non mi fa bene sperare. In una democrazia vera, la leadership e’ il riflesso di chi la sceglie. Una strada per uscire dai problemi che ci attanagliano , senza scorciatoie di breve periodo, secondo me passa per un livello di formazione ed educazione per tutti noi affinché si possano scrivere delle nuove regole che funzionino ed scegliere dei leaders appropriati. Imparare a continuare ad imparare e’ veramente fondamentale per il benessere di tutti. Grazie ancora a te e Corrado

    • Gianfranco ha detto:

      Grazie caro Luca. Hai proprio ragione, il nostro principale problema è il vuoto di leadership da tanti anni. Abbiamo tanti validi leader in Italia, se si accordassero, se si unissero per creare una formazione che potrebbe rappresentare l’orgoglio e la rinascita di un Paese che non merita di finire così.

  9. Alessandro Patruno ha detto:

    Eccezionale! Bravo Gianfranco! Grazie per queste chicche!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.